Da giovedì 4 febbraio 2021 ore 16.03, in replica domenica ore 02.00 e 19, martedì ore 11.03 (Speciale Radio – 3 / Speciale Culturale)

si è tenuto, martedì 26 gennaio 2021 un incontro in videoconferenza nell’ambito della Memoria promosso dall’Università degli Studi di Trieste presso il Teatro Miela P.zza Duca degli Abruzzi a Trieste con il partenariato dell’Istituto Italiano di Cultura di Berlino in collaborazione con Stazione Rogers, il Circolo della Stampa di Trieste, Bonawentura e Teatro Miela, in occasione dell’8° Convegno Istituzionale multidisciplinare: “Convivere con Auschwitz, violenza e indifferenza nella regressione del Sapiens contemporaneo” (parte introduttiva del convegno).

Ha coordinato le presentazioni il Dott. Gianni Peteani Unità di Staff Comunicazione e relazioni esterne dell’Università degli Studi di Trieste, Presidente del Comitato permanente Ondina Peteani, prima staffetta partigiana d’Italia, deportata ad Auschwitz 81672.

Saluti delle Autorità Accademiche: Prof. Roberto Di Lenarda, Magnifico Rettore dell’Università di Trieste e Prof. Mauro Barberis, Docente di Filosofia del Diritto Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università degli Studi di Trieste.

Intervento del Dott. Paolo Molaro Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Trieste.

Saluto di Giorgia Kakovic, Vicepresidente dell’Associazione Deina FVG Promemoria Auschwitz in collaborazione con UniTs.

Presentazione di Flavia Citrigno del Centro di Educazione e Formazione Memoriale della Conferenza di Wannsee Berlino sul tema: “I partecipanti della Conferenza di Wannsee: burocrati e carnefici”.

Presentazione del Prof. Giovanni Fraziano Docente di Composizione Architettonica e Urbana del Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Trieste sul tema: “Architettura come simbolo: Gott mit uns”.